Passa ai contenuti principali

Post

Buon compleanno Roma. Oggi sono 2771

Oggi Roma compie 2771 anni, e sui social è tutto un succedersi di foto del Colosseo, dei Fori, del Pantheon e piazza Navona. Ma Roma non è solo quello, ma non è nemmeno solo la città triste della cronaca quotidiana.

E' una città certamente dolente, dove vivono tre milioni di persone, con periferie immense piene di problemi, ma anche di iniziative e risorse da valorizzare. E quindi, per celebrare il compleanno della città, sono andato nel quartiere di Corviale, e più precisamente al Serpentone,

dove solo sette giorni fa si è recato in visita Papa Francesco.

E' un quartiere che conosco bene e che frequento da anni.


Ma in questa visita ho avuto la possibilità di girarlo con calma, di visitare il suo museo all'aperto di street art,

e di fare anche incontri particolari.

Qui il foto racconto di una visita di compleanno: https://photos.app.goo.gl/0wMjeQlXSMtb92Gp1
Post recenti

2 aprile, fontana dei Dioscuri blu per l’autismo

Anche quest’anno la Presidenza della Repubblica Italiana aderisce alla “Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo” istituita dall’Assemblea generale della Nazioni Unite, con un gesto simbolico.

La Fontana dei Dioscuri, sita al centro della Piazza del Quirinale, sarà illuminata di blu domenica 1° aprile, Pasqua, e lunedì 2 aprile.

Le luci si accenderanno domenica primo aprile, dal tramonto alle ore 2.30, e lunedì 2 aprile, dal tramonto alle ore 24.00. L’iniziativa si svolge in collaborazione con la Rai.

Una strada per Gabriella Ferri

Una strada per Gabriella Ferri, a 14 anni dalla morte della grande artista romana.

È la proposta lanciata dalla manifestazione «Gabriella Ferri. Ieri, oggi e domani» ideata, organizzata e promossa da Alessandro Lisci- SIFAL con l’autorizzazione dall’associazione Gabriella Ferri, con il patrocinio del Municipio Roma Centro Storico e del Comune di Corchiano. L’idea è stata proposta dalla giornalista Ester Palma nel corso della presentazione del libro «Gabriella Ferri Sempre».


E oggi, sabato 24 marzo, a sostegno di questa proposta, è iniziata una raccolta di firme.


Il primo banchetto è stato allestito presso il mercato romano di Testaccio, dove in tanti si sono recati a firmare e a testimoniare il grande affetto della città alla sua grande artista.


Non solo Spelacchio. Gli alberi di Natale a Roma nel 2017

Dopo le tante discussioni su "Spelacchio", il tanto chiacchierato albero di Natale innalzato dal comune di Roma in piazza Venezia, mi è venuta voglia di vedere quali altri alberi siano visibili nel centro storico della capitale.




Procedendo lungo via del Corso, il primo che incontro è quello di Piazza San Lorenzo in Lucina, anche lui non proprio un "gran fusto" e con addobbi molto "sobri" se non poveri.


Attraversando via del Corso e percorrendo via Condotti, arrivo dritto in piazza di Spagna. Qui c'è da scegliere: sulla scalinata di Trinità dei Monti il futurista e rutilante (di notte) "albero" sponsorizzato da Bulgari ("usurpatore" del posto tradizionalmente dedicato al presepe storico fino a due anni fa), a forma di canne d'organo.




Poco più sotto, in piazza Mignanelli, c'è l'enorme abete (finalmente un'immagine tradizionale) sponsorizzato dalla maison Valentino, riccamente decorato da migliaia di luci e fotografato…

Cosa ci resta dopo l'estate 2017?

Cosa lascia l'estate 2017 ai romani? sicuramente la consapevolezza di una grande "fragilità" della città, dovuta alla carenza di pioggia. Qui una sintesi del reportage su Repubblica.it

Uno dei simboli di Roma, i grandi parchi cittadini, hanno gravemente sofferto la siccità. Qui le foto di un viaggio in alcuni fra i più grandi parchi romani: villa Pamphili, villa Sciarra, villa Borghese, villa Torlonia, villa Ada, monte Antenne, villa Glori.

Per vedere fino a che punto i parchi romani, vanto della città, hanno sofferto, siamo andati a visitarli in questi giorni di fine agosto.

Abbiamo trovato situazioni di abbandono, come a Monte Antenne

o di siccità a livelli di panorami di film western, come a villa Glori o villa Pamphili


trovando però anche situazione sorprendenti, come a Villa Torlonia, con prati verdissimi grazie all'irrigazione,


e Villa Pamphili, verdissima, ma limitatamente ai giardini che circondano la palazzina dell'Algardi.


Tutto il resto purtroppo è tri…

Pellegrinaggio di S. Domenico fra Fornelli e Villalago 2017

Una delle più autentiche e forse anche l'ultima espressione della cultura agropastorale dell'Appennino abruzzese-molisano è il pellegrinaggio con il quale, ogni anno il 21 agosto, la gente di Fornelli (Isernia) si porta all'eremo di San Domenico Abate presso Villalago.

Il percorso prevede i passaggi delle Mainarde, della montagna di S. Francesco, il transito per Villetta Barrea, l'ascesa a Passo Godi e l'entrata a Scanno, che avviene tradizionalmente la mattina del 21 agosto. Da Scanno, dopo un suggestivo momento di preghiera, i pellegrini escono in processione e, scendendo verso il lago, si recano alla cappella della Madonna del Lago, dove si fermano per un suggestivo omaggio alla Vergine.



Al termine del lungo pellegrinaggio, circa 80 km percorsi a piedi fra le province di Isernia e L'Aquila, l'arrivo all'eremo di Villalago, dove la tradizione colloca un eremo dove si sarebbe ritirato in preghiera e meditazione solitaria S. Domenico.
Dopo il "s…

Domenica d'agosto a Roma

Dal centro alla periferia quasi tutti i negozi espongono cartelli di chiusura per ferie, con indicazioni di riapertura a fine mese.

Siamo quindi andati a vedere, sulle orme del famoso "Diario" di Nanni Moretti, come si presenta Roma la mattina di domenica 20 agosto. Qui il reportage completo


Non abbiamo trovato una città "fantasma", perché comunque ci sono i turisti che girano nel centro e i "runners" che approfittano delle strade libere,

e poi perché molto capillari sono i controlli che le forze dell'ordine hanno predisposto pressoché ovunque.


Però l'effetto che si prova è comunque surreale: un silenzio diffuso, mancanza di autovetture e scooter nelle strade,

con i pedoni e i ciclisti che una volta l'anno sono i padroni della città. E magari un bambino spera anche di riuscire a tirare quattro calci ad un pallone in via del Corso, indossando la maglietta del Barcellona, quasi come monito a non dimenticare i drammi recenti.

E poi semafori senza…