Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2011

Ora voglio vedere se qualcuno riesce a bucare!

Ron Arad, designer israeliano, ha sviluppato una proposta davvero innovativa. Togliere dalle bici le delicate ruote composte da un cerchione e da un rivestimento (tubolare, oppure copertoncino e camera d'aria) rigonfio di aria. Sono un oggetto antiquato, roba del XIX secolo. Ora, nel XXI secolo si deve dare spazio alle leghe e ai metalli. Ed ecco allora l'idea: sostituire la vecchia ruota, quella che siamo abituati da sempre a vedere, con una "ruota" che ha la forma di una corolla di fiore, come la disegnerebbe un bambino.

18 petali di acciaio temprato per ogni "ruota", uno accanto all'altro, a creare la forma sferica, con una superficie di contatto con il suolo maggiore di quella di una normale ruota di bici.

Il comfort? nessun problema dichiarano i collaboratori di Ron. Anzi, aumentando la velocità, il comfort è superiore a quello di una bici con le gomme. Magari in curva non terrà proprio benissimo, forse sul pavé di via dei Fori Imperiali traballerà …

Bike sharing allo sfacelo nella capitale

Quello che non vorresti mai vedere

La mattina ti alzi, ti prepari, esci e...ecco il pugno nello stomaco...una bicicletta in terra, parzialmente sotto le ruote di un'automobile, gente che si affolla, poliziotti e vigili che si agitano...

il cuore inizia a battere forte. Per prima cosa pensi a chi pochi istanti prima sedeva sul sellino di quella bici, cerchi di capire come sta e come sia potuto succedere


poi inizi a pensare a quante volte hai percorso in bici quella strada, a quante macchine e pullman ti abbiano tagliato la strada in velocità su quel maledetto pavé lucido e sdrucciolevole che costeggia il colonnato di S. Pietro...poi senti, come in una nebbia i commenti dei passanti: "ma che vanno a fa' questi in bici? che 'ncioosanno che è pericoloso?" oppure " se.. se..., fai la scialla in bici, mo' so caazzi sua..." e ti vengono in mente le parole della canzone di Finardi "extraterrestre, portami via".
Sono andato via. La ragazza era al suolo, cosciente, con una ferita sull…

L'ospite ingombrante

Vero che il bike sharing a Roma è in dissoluzione e che al Comune interessa poco o niente favorire la mobilità sostenibile. Eppure una potente auto sportiva lasciata al fianco delle colonnine del Bike Sharing, in zona pedonale, mi sembra lo stesso un'ospite ingombrante.
(pubblicata su "Il Corriere della Sera - Roma" del 10 settembre 2011)

Troppe bici a Copenhagen?

E' mai possibile che qualcuno pensi che a Copenhagen girino troppe biciclette?  Davvero la sicurezza stradale danese sarebbe a rischio a causa delle troppe bici in circolazione? Non è una domanda che noi cittadini di Roma riusciamo a comprendere fino in fondo: noi, al contrario, pensiamo che con più bici in giro la sicurezza stradale ne guadagni.
Eppure a Copenhagen - una delle città più "ciclistiche" al mondo in cui il 36% dei suoi abitanti va al lavoro o a scuola in bicicletta, e che si è impegnata a portare questa percentuale al 50% entro il 2015 - ci sono voci controverse su questo tema.

Un recente articolo apparso sul britannico "Guardian",  la Federazione Ciclisti danese (DCF) e ​​Wonderful Copenhagen, l'organizzazione turistica ufficiale per la Danimarca, segnala che il successo della bicicletta sta paradossalmente creando un clima intimidatorio e sgradevole per i ciclisti in città.

"A Copenaghen, abbiamo problemi di straordinaria congestione c…

HERTZ noleggia biciclette a Londra

Il mondo davvero sta cambiando: la Hertz, leader mondiale nei servizi di autonoleggio, mette a disposizione dei suoi clienti di Londra biciclette elettriche da noleggiare, alla pari di un automobile o di un furgone.

La decisione della società è stata presa sulla scia dell'impegno del sindaco Boris Johnson, che ha promesso di trasformare Londra nella capitale europea della mobilità elettrica.


Il noleggio di bici e auto elettriche sarà possibile sia per residenti che per turisti, ad un costo di 20 sterline al giorno.

All'atto del noleggio il cliente riceverà le istruzioni dettagliate per l'uso del veicolo, un lucchetto, il caschetto e una copia della Guida AA per il tempo libero AA a Londra, con l'indicazione di percorsi in bicicletta intorno alla City.
Immaginare un evento del genere in una città italiana è puro esercizio di fantasia. Basti pensare lo stato comatoso del Bike Sharing a Roma per capire con quale attenzione si guardi alla mobilità sostenibile.