Passa ai contenuti principali

Il sole della fontana sta tramontando

Oggi vi racconto la storia della Fontana del Sole, in via di Bravetta a Roma,

fontana che, a dispetto della sua bellezza e del suo richiamo al Sole del Bernini nella fontana della Barcaccia a piazza di Spagna, sta cadendo a pezzi, come potete già vedere in queste prime foto, scattate in esclusiva per noi dal fotografo Paolo Cerino.
La storia è stata ripresa dalla giornalista Ester Palma e pubblicata sul Corriere.it 

In via di Bravetta, a pochi metri dall'inizio di via della Pisana e di fronte alla costruzione militare di forte Aurelio, sorge una delle poche fontane monumentali della periferia romana. Fu costruita nel 1938 per celebrare l'arrivo in quella zona dell'acquedotto "Peschiera- Capore". Fu subito battezzata Fontana del Sole per il magnifico fregio che l'adorna, ispirato al più famoso Sole scolpito da Bernini per la Fontana della Barcaccia in piazza di Spagna.
Questo è il "mascherone" che adorna una delle punte della fontana della Barcaccia, di Bernini, in piazza di Spagna.
Gli anziani del quartiere, che ancora oggi amano rifornirsi di acqua fresca dall'unica bocchetta funzionante,


ricordano ancora come la fontana, oltre ad offrire refrigerio ai passanti, fosse usata dai cocchieri che fino agli anni 50 portavano i prodotti della campagna in città con il carro, per far abbeverare i cavalli e i muli.
La città si allargò velocemente e presto abbracciò anche la zona Pisana-Bravetta. Ma la fontana non perse il suo ruolo centrale nel quartiere: negli anni '60/70 nella fontana venivano messi in fresco i cocomeri del mitico "Pippo", il "cocomeraro" di zona.

Ma presto subentrò il disinteresse e poi il degrado. Oggi la fontana, nascosta ai passanti dalle auto in sosta, è in condizioni di totale abbandono: una delle due bocchette è asciutta da anni, 

il bellissimo mascherone in travertino che rappresenta il sole è stato imbrattato, vandalizzato e spaccato nella parte superiore, ed è corroso da ruggine e sporcizia.


Il retro mostra segni di cedimento strutturale e il tutto è inondato di muffe, muschio e immondizia.




Verrebbe spontaneo chiedere un intervento di restauro e valorizzazione, ma c'è qualcuno disposto ad ascoltare una richiesta del genere?
Se pensate di sì, fate girare questo articolo, diffondetelo e date voce alla povera Fontana del Sole!

Commenti

Ne vorrei leggere a migliaia di commenti riguardo alla Fontana del Sole di Via Bravetta, ma mi limito soltanto a dire che d'estate ogni volta che rientravo in zona era d'obbligo una fermata per dissetarsi e personalmente preferivo "la bocca del Sole"...
Piero Caporali ha detto…
Ci beveva da ragazzo e penso che meriti una ripulita e un restauro per potergli ridare la luce che merita...
Non lasciamola alla storia del passato ma ad un presente ed un raggiante futuro..
Anonimo ha detto…
Stato vergogna la devi restaurare fà schifo cade a pezzi

Post popolari in questo blog

Luce per bici senza batterie e senza dinamo: la Magnic Light

E' ancora in fase sperimentale, ma se dovesse essere prodotta in scala industriale la Magnic Light promette di essere un'ottima soluzione per rendere visibile il ciclista nel buio e per illuminarne la strada. Si tratta di una innovativa dinamo sviluppata dal tedesco Dirk Strothmann, che la definisce la prima dinamo compatta per biciclette senza contatti. Non ci sono batterie, è una vera e propria dinamo, che però non è in contatto fisico con il cerchione.


Funziona con tutti i tipi di cerchioni metallici (di solito fatti in alluminio, acciaio o magnesio). Anche l'alluminio e il magnesio, pur non essendo magnetici (ma paramagnetici) sono però materiali conduttivi. I movimenti relativi dei magneti e del materiale conduttivo vicino inducono delle correnti parassite - dette anche correnti di Foucault - nel materiale conduttivo, nel nostro caso il cerchione metallico. Queste correnti parassite hanno i loro campi magnetici che vengono assorbiti dal generatore del Magnic Light, pr…

Come cercare di non farsi rubare la bici - gli errori più comuni e qualche consiglio

I furti di bici sono in costante aumento, per varie ragioni. Qui proviamo a fare qualche riflessione sugli errori più comuni che noi ciclisti commettiamo, per imparare a non commetterli più, sui più diffusi antifurti e sul loro uso.
Premesso che gli elementi da considerare quando si lascia in strada la bici sono:
Efficacia antifurtoEfficacia ancoraggioValore della biciLuogo di sostaDurata della sosta
mi limiterò ad una rapida panoramica dei più frequenti modi di posteggiare la bici in strada, valutando l'efficacia dell'antifurto e dell'ancoraggio.

Per iniziare tre regole ASSOLUTE:
Prima regola: MAI LASCIARE LA BICI APPOGGIATA AL MURO SENZA LEGARLA, nemmeno per comprare il pane.
Questa bici non è a rischio di furto, è a certezza di furto, anche se il proprietario sta solo comprando il giornale all'edicola di fronte.

Seconda regola: MAI LEGARE AD UN PALO LE SOLE RUOTE DELLA BICI. In particolare è del tutto inutile legare l'antifurto meccanico della bici ad un palo …

25 Aprile 2017 nel XII municipio di Roma

Il 25 Aprile si sono tenute nel quartiere Bravetta di Roma due celebrazioni per la festa della Liberazione dal nazifascismo.
La prima, all'incrocio fra via della Pisana e via di Bravetta, dove è posta una stele in memoria dei caduti del quartiere. La seconda nel Parco dei martiri di Forte Bravetta, dove furono trucidati decine di romane e romani fra l'ottobre 1943 e il giugno del 1944. Qui le foto delle due manifestazioni.



Durante la celebrazione a Forte Bravetta Ernesto Bassignano, cantautore, giornalista e conduttore radiofonico, ha intonato alcuni canti della resistenza.



A Forte Bravetta ha partecipato, senza peraltro pronunciare alcun discorso ufficiale, il presidente del Partito Democratico, Matteo Orfini.